Split

ottobre 2, 2008 alle 1:48 pm | Pubblicato su Città, Turismo | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Split è la più importante città della Dalmazia ed è la seconda città per importanza in Croazia. È inoltre il centro amministrativo della contea Splitsko Dalmatinska. La città è situata sulla costa del Mediterraneo nella parte orientale dell’Adriatico. Split rappresenta un’importante centro di transito, nonché un’importante via di communicazione con le isole dalmate circostanti, ma anche con la penisola italiana. Grazie alle sue capacità ricettive, alle bellissime spiaggie, a una ricca eredità storico culturale e a un spettacolare programma d’intrattenimento Split è una delle destinazioni turistiche più visitate della Dalmazia. Fondata nell’antichità come una colonia greca di Aspalathos, il splendore di Split comincia appena nel periodo dell’Antico Impero Romano quando viene fondata la provincia di Dalmazia. Dominata dall’Impero Bizantino, dalla Repubblica di Venezia, dall’Impero di Francia e dall’Impero Asburgico, durante i secoli Spalato riuscì a ritagliarsi una certa autonomia. Grazie al passato turbulente Split oggi è una destinazione ideale per gli appassionati di cultura e di storia, infatti Split fa parte del patrimonio culturale dell’umanità di UNESCO.

Split, città vecchia

Split, città vecchia

Il monumento più importante è sicuramente il palazzo dell’imperatore Diocleziano costruito nel 293 d. C. Si tratta di una fortezza circondata da enormi cinta murarie all’interno delle quali si trova il palazzo residenziale, vari templi e un mausoleo.  Tra le varie attrazioni da vedere visitando Split ci sono la porta Aurea, la cattedrale con il suo celebre campanile e nelle vicinanze della città vale la pena visitare le notevoli rovine romane di Salona con gli scavi archeologici. Ad Ovest si trovano le bellissime località turistiche dei Sette Castelli con la Baia dei Castelli.

Annunci

Trogir

settembre 17, 2008 alle 1:59 pm | Pubblicato su Città, Generale, Turismo | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Situata a circa 30 km a nord della città di Split si trova la bellissima città di Trogir. La città sorge su due isole collegate alla terraferma da due ponti. Patrimonio dell’UNESCO Trogir è una delle città veneziane più belle e meglio conservate della Dalmazia. Trogir rappresenta un’ideale destinazione turistica per gli appassionati della storia e della cultura. La città fu fondata dai greci col nome di Tragurion, poi passò sotto il dominio dell’Impero romano per essere finalmente conquistata dai Saraceni. Dopo secoli di vicende alterne, nel 1420, inizia un lungo periodo di successo e prosperità sotto il controllo della Repubblica di Venezia che ebbe termine nel 1797. Dal 1977 Trogir divetna parte della lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO grazie alla magnifica cattedrale di San Lorenzo che sorge nel centro della città, come anche per i molti edifici in stile romanico e rinascimentale.

Città vecchia di Trogir

Città vecchia di Trogir

La parte vecchia di Trogir occupa un piccolo isolotto nello stretto braccio di mare che si estende fra l’isola di Ciovo e il continente. Interessante sicuramente è visitare il castello di Kamerlengo. I monumenti più importanti della città sono: la Cattedrale Romanica di san Lorenzo risalente al XIII sec., la Loggia pubblica, il Maschio di san Marco, la Chiesa di san Domenico e numerosi altri. Con una capacità ricettiva che conta più di 20.000 posti letto e di anno in anno sta aumentando, Trogir è uno dei più importanti centri turistici dell’Adriatico. L’attività economica principale è il turismo seguita dall’attività cantieristica navale.

Makarska

settembre 12, 2008 alle 7:12 am | Pubblicato su Città, Turismo | Lascia un commento
Tag: , , ,

Situata a cca 60 km a sud da Split si trova la bellissima città di Makarska. Makarska fa parte della contea Splitsko-Dalmatinska e costituisce il capoluogo dell’omonima riviera. La riviera di Makarska comprende varie destinazioni turistiche come Drasnice, Podgora, Tucepi, Brela, Makarska arrivando fino a Split. Tra le località sicuramnete più visitate che fanno parte della riviera di Makarska vi sono le isole di Brac e di Korcula, nonché la penisola di Peljesac.

Baia di Bosac - Gradac

Baia di Bosac - Gradac

Makarska è una cittadina mediterranea che si trova in una baia racchiusa da due penisole, ali di sopra della quale si erge il bellissimo monte di Biokovo, ed è inoltre un’affascinante centro turistico conosciuto per una svariata offerta di attività sportive e di tempo libero. Makarska è sicuramente una destinazione addatta al divertimento per tutte le generazioni. È possibile godersi le escursioni e ammirare le bellezze del parco naturale di Biokovo recandosi in passeggiata per i sentieri del parco, per quelli che desiderano praticare tipi di sport più estremo addatte sono le attivitù come l’alpinismo oppure il mountainbiking. Dall’altra parte sicuramente interessante è la ricca offerta di sport acquatici come jet-ski, immersioni subacquee, nuoto oppure pallanuoto. Per gli affascinati delle manifestazioni culturali c’è una ricca offerta di mostre, concerti, serate musicali oppure recarsi in visita del Museo delle conchiglie situato nel Convento Francescano.

Sibenik

agosto 25, 2008 alle 9:25 am | Pubblicato su Città, Turismo | Lascia un commento
Tag: , , ,

Nella Dalmazia centrale è situata la città conosciuta ancora dai tempi remoti – Sibenik. Storicamente la città più antica della Croazia, Sibenik viene menzionato per la prima volta nei documenti del Re Petar Kresimir IV il quale viveva nella fortezza di san Mihovil. Durante la storia Sibenik fu dominata dall’Impero Bizantino, dalla Repubblica di Venezia, dall’Impero di Austria e dall’Impero Asburgico, il che lasciò traccie profonde nel patrimonio storico-culturale della città. I monumenti più importanti della città sono sicuramente la cattedrale di San. Jakov, che viene visitata da migliaia di turisti ogni anno e il rinnovato palazzo del Duzd.

Cattedrale di Sv. Jakov

Cattedrale di Sv. Jakov

Tranne i monumenti e le bellezze storiche, Sibenik è anche noto per la sua meravigliosa natura circostante, per il suo mare cristallino, nonché per il suo clima mediterraneo mite. Nelle vicinanze della città si trova il Parco Nazionale di Krka il quale, grazie alle sue bellezze, rimarrà inciso nella memoria di chiunque lo visita. L’archipelago di Sibenik che consiste di 240 isole e isolotti, con numerose spiaggie, baie prottette e insenature. Nell’ambito dell’archipelago di Sibenik si trova anche  il famoso parco nazionale di Kornati.

Storia della città di Zadar (it. Zara)

luglio 22, 2008 alle 7:23 am | Pubblicato su Città, Generale, Turismo | Lascia un commento
Tag: , , , ,

La città di Zadar si trova nel coure dell’Adriatico e fa parte della Dalmazia centrale. Zadar con i soui 88.000 abitanti è la capitale storica della Dalmazia. La costa frastagliata, la natura intatta e le numerose isole formano l’archipelago di Zadar. La città di Zadar è porto di partenza per le isole che la circondano. Tra le varie testimonianze della storia di Zadar, è sicuro il fatto che dal 59 a. c. l’intera Dalmazia, quindi anche la città di Zadar, diventano a far parte del municipio romano. Dopo la caduta dell’impero romano d’occidente Zadar e stata conquistata dai franchi, è stata dominata dai governatori croati ed è stata riconosciuta dagli ungari. Nel 1202, grazie all’aiuto dei crociati viene conquistata dalla Repubblica di Venezia. Zadar aveva un’importante ruolo nella resistenza contro l’impero Ottomano, infatti, riuscì ad assicurare la via commerciale della Repubblica di Venezia nell’Adriatico e la loro amministrazione nella Dalmazia.

Chiesa di st. Stosija

Chiesa di st. Stosija

Il breve periodo passato sotto la dominazione francese è caratterizzato dalla pubblicazione del primo giornale in lingua croata e in lingua italiana. Zadar entra a far parte dell’impero Austro-Ungarico sotto la cui dominazione rimarra fino al 1918. Con il patto di Londra, alla vigilia della primo conflitto mondiale, all’italia fu promessa più della meta della Dalmazia, Zadar inclusa. Durante il secondo conflitto mondiale ampie parti della costa e dell’entroterra vennero annesse al Regno d’Italia. Zadar divenne capoluogo del Governatorato della Dalmazia. A partire dall’autunno del 1943, Zadar venne bombardata per 54 volte dagli alleati e fu rasa al suolo. Entrando a far parte della nuova Jugoslavia socialista Zadar perse il nome italiano di Zara e mantenne solo il nome croato odierno – Zadar. Con la dichiarazione dell’indipendenza della Croazia nel 1991, Zadar entra a far parte della Repubblica di Croazia.

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.